Registratori Telematici - memorizzazione elettronica e trasmissione telematica: cosa fare per adempiere all’obbligo?

Come noto l’art. 2, D.Lgs. n. 127/2015 prevede che, a partire dall’1.1.2020, i commercianti al minuto e gli altri soggetti assimilati di cui all’art. 22, DPR n. 633/72 devono provvedere alla memorizzazione elettronica / trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei corrispettivi giornalieri.
Per i soggetti con volume d’affari superiore a € 400.000 tale adempimento decorre dall’1.7.2019.

1

VERIFICA

A carico di: CREMONAUFFICIO

Verifica se per il Registratore di Cassa attualmente utilizzato è disponibile un Kit di Aggiornamento o se è necessario l’acquisto / noleggio di un nuovo Registratore Telematico.

E' previsto un contributo, sotto forma di credito d’imposta, pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di un misuratore fiscale nuovo con un tetto massimo di 250 Euro.
In caso di aggiornamento alla versione telematica (RT) di un misuratore di cui il cliente è già in possesso il contributo massimo riconosciuto è pari a 50 Euro cad.
Il credito può essere utilizzato a decorrere dalla prima liquidazione IVA periodica successiva al mese di annotazione della fattura d’acquisto / adattamento ed è stato pagato, con modalità tracciabili, il relativo corrispettivo.

2

ATTIVITà OBBLIGATORIA: ACCREDITAMENTO

A carico di: cliente / consulente

Per effettuare l’accreditamento è indispensabile che l’esercente sia in possesso della password e del codice PIN (rilasciati dall’Agenzia delle Entrate) per accedere a FiscOnline.

L’accreditamento può essere effettuato direttamente dall’esercente, dal commercialista o da un tecnico autorizzato mediante delega diretta.

ATTENZIONE: Attività indispensabile per poter procedere con l'attivazione della cassa.

VEDI GUIDA ALL'ACCREDITAMENTO

3

ATTIVITà OBBLIGATORIA: CENSIMENTO

A carico di: CREMONAUFFICIO

Tale funzione permette di censire il terminale presso l’Agenzia delle Entrate. Il Registratore Telematico invia il file CSR all’AE ed in risposta ottiene il certificato dispositivo valido 8 anni a partire da questo evento. La procedura sarà gestita da CREMONAUFFICIO.

4

ATTIVITà OBBLIGATORIA: ATTIVAZIONE

A carico di: CREMONAUFFICIO

Il Registratore Telematico deve essere attivato, ossia collegato, ad uno specifico esercente. La fase di attivazione presuppone che l’esercente si sia accreditato e che l’apparecchio sia collegato alla rete internet. Dopo l’attivazione della macchina sarà disponibile sul portare FiscOnline il QR Code da scaricare e fornire al tecnico CREMONAUFFICIO per la stampa dell’etichetta autorizzata da applicare sul Registratore Telematico.

VEDI GUIDA ATTIVAZIONE E SCARICO QR CODE

Scarica la brochure

Trasmissione dei corrispettivi: come e quando

“Specifiche Tecniche per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri” al punto 2.7 “Generazione e trasmissione dei dati”.

TRASMISSIONE DEI DATI DEI CORRISPETTIVI DI CUI ALL’ART. 2, COMMA 1, DEL D.LGS. N. 127/15

Il Registratore Telematico, al momento della chiusura giornaliera, mediante l’elaborazione dei dati contenuti nella memoria permanente di riepilogo, genera un file xml secondo il tracciato riportato nell’allegato “Allegato - Tipi Dati per i Corrispettivi”, lo sigilla elettronicamente con il certificato dispositivo e lo trasmette telematicamente al sistema AE.

La trasmissione dei corrispettivi avviene utilizzando un orario casuale all’interno dell’intervallo di funzionamento del dispositivo. Tutte le trasmissioni dovranno ricadere nella fascia oraria 00:00 - 22:00.

L’esito ed, eventualmente, i file xml generati ovvero i dati in esso contenuti e trasmessi al sistema AE sono conservati all’interno della memoria permanente di dettaglio (DGFE) e sono quindi disponibili per una eventuale consultazione presso il punto vendita.

La trasmissione dei dati giornalieri avviene con una frequenza variabile con un valore massimo dell’intervallo di 5 giorni. Per tutta la durata dei 5 giorni previsti, il Registratore Telematico deve ripetutamente tentare la trasmissione del file elaborato a seguito della chiusura giornaliera.

Il Registratore Telematico, qualora non sia in grado entro 5 giorni di trasmettere i file al sistema AE per mancanza di connettività, può trasferire il file sigillato elettronicamente a un altro dispositivo RT (abbinato alla partita IVA dell’esercente) ovvero utilizzando apposite funzionalità disponibili sul portale “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia delle entrate per effettuare la trasmissione al fine di rispettare i termini previsti dal presente provvedimento.

Nel caso di interruzione dell’attività per chiusura settimanale, chiusura domenicale, ferie, chiusura per eventi eccezionali, attività stagionale o qualsiasi altra ipotesi di interruzione della trasmissione (non causata da malfunzionamenti tecnici dell’apparecchio), il Registratore Telematico, alla prima trasmissione successiva ovvero all’ultima trasmissione utile, provvede all’elaborazione e all’invio di un unico file contenente la totalità dei dati (ad importo zero) relativi al periodo di interruzione, per i quali l’esercente non ha effettuato l’operazione di chiusura giornaliera.